DOVE E' FINITO KARIM?

9788898438136

Una storia reale sull'accoglienza di un bambino in una famiglia amica.Le paure, le tristezze, la gioia di nuovi amici e affetti. L'affido come non era mai stato presentato ai bambini e alle famiglie.
In lingua italiana e arabo.

Maggiori dettagli

8,00 € tasse incl.

Dettagli

Autrici:Alessandra Colombo
Giovanna Esposito
Claudia Ferraroli
Patrizia Panzeri
Illustratrice:Claudia Ferraroli

Clicca qui per entrare nel sito dell'autrice

icona-facebook.jpgFacebook Autrice

Clicca qui per contattare "Il Talento Cooperativa Sociale"

Collana: I colori del legame

Tutorial Libri & giochi creativi Claudia Ferraroli.

  • Libro da leggere insieme
  • dai 7 anni in su
  • bilingue italiano - arabo
  • per Servizi di Affido

Pagine: 48
F.to: 11x16 cm
Peso: 100 gr

LA COLLANA “I COLORI DEL LEGAME”

La collana “I colori del legame” nasce per offrire una narrazione delle diverse tonalità dell’esperienza di accoglienza da parte di famiglie immigrate nel nostro territorio, sensibili, collaboranti e disponibili all’accoglienza.
Raccoglie tre racconti che rappresentano i momenti salienti dell’affido: la prima storia parla dell’avvio del progetto di affido, la seconda mette a tema un momento della quotidianità di due bambini in affido e la terza storia racconta del rientro in famiglia dopo un percorso di affido.
Ciascuna storia è ambientata in una famiglia affidataria appartenente ad una cultura differente: marocchina, magrebina e ivoriana; le culture maggiormente rappresentative delle famiglie che hanno intrapreso l’esperienza di affido nella provincia di Lecco.
Il desiderio del Servizio Affidi della provincia di Lecco è stato creare uno strumento divulgativo nuovo in grado sia di avvicinare le famiglie straniere al tema dell’affido, sia di introdurre ed accompagnare bambini e ragazzi nella conoscenza dell’accoglienza omoculturale.
A tal fine le storie sono scritte in italiano e nella lingua originaria della nazione “coinvolta” nel racconto,(arabo e francese).
Questi libri possono essere utilizzati dagli operatori delle Equipe tutela minori, dalle stesse famiglie affidatarie con i bambini e i ragazzi in affido per poter affrontare il tema della separazione, della lontananza e della permanenza in una famiglia diversa dalla propria, ed anche da una qualsiasi famiglia italiana che voglia portare i propri figli a riflettere su esperienze diverse dalle proprie.
Nel costruire le storie si è cercato di rappresentare episodi verosimili partendo dal racconto diretto di chi l’affido lo ha fatto e lo sta vivendo.

Primo volume della collana “i colori del legame”.
“DOVE è FINITO KARIM?”

Nel racconto “Dove è finito Karim?” si descrive l’arrivo del piccolo Karim presso la famiglia affidataria di Omar, che ha offerto la propria disponibilità ad accoglierlo.
Karim è un bimbo marocchino e così anche la sua famiglia affidataria.
Omar nel testo racconta: “Un bambino anch’esso di origine marocchina, che per un po’ starà a casa nostra.
I suoi genitori hanno dei problemi non so esattamente di che natura.”…” Il papà dice invece che un buon mussulmano deve essere pronto ad aiutare ed accogliere nella propria casa chi ha bisogno”.
Nel libro le ambientazioni, accompagnate dalle illustrazioni di Claudia Ferraroli, aiutano a ricreare la realtà di vita di una famiglia marocchina in Italia: le usanze, gli arredi, i cibi, gli abiti tipici fusi con la realtà Italiana.
Si narra: ”C’era agitazione: la mamma in salotto sistemava dolci e salatini sul grande vassoio per le occasioni importanti. La teiera era già fumante sul tavolo. Il papà, dalla camera da letto. Chiamava a gran voce: ”Fatima, dove hai messo il mio jallaba?”.
La giornata è scandita attraverso i momenti salienti tipici dell’accoglienza e la descrizione dei sentimenti che animano la coppia affidataria e i figli naturali, che si trovano ad affrontare l’esperienza di affido.
Omar ad esempio nel racconto dice: “…questo è appena arrivato e già ci fa impazzire a cercarlo! Con tutti i compiti che ho da fare oggi!” subito dopo mi è venuto in mente “fra poco sarà anche l’ora della preghiera, non possiamo saltarla”.

Il testo è presentato in italiano e arabo.

PER BAMBINI 6+


facebook fabbrica dei segni