CHEWIN'GAME - Per chi mastica parole!

9788898438228

E' un gioco di società che mette a dura prova le vostre abilità dialettiche: chi sarà capace di far indovinare la Parola Chiave ai propri compagni senza utilizzare le 5 parole proibite?

Maggiori dettagli

15,90 € tasse incl.

Dettagli

Con il gioco anche il libro: GIOCARE CON LE PAROLE
  • gioco in scatola
  • dai 12 anni in su
  • 4 o più giocatori

Contenuto: 1 tabellone da tavolo - 2 pedine da gioco - 1 clessidra - 250 carte Parola - 20 carte Malus - istruzioni per giocare

  

Chewin’Game – per chi mastica parole! è stato sviluppato tenendo precisamente conto di tutti questi elementi di stress, nel tentativo di riprodurre situazioni comuni nella quotidianità di bambini e ragazzi: la necessità di sostenere una conversazione con persone che utilizzano registri lessicali diversi dal proprio (per esempio in un dialogo con un adulto), il bisogno di puntualizzare un concetto nel minor tempo possibile (come durante un’interrogazione scolastica), l’impossibilità di usare determinate parole (come espressioni gergali in contesti inappropriati), la consapevolezza di parlare ad un folto numero di persone (per esempio in pubblico).
In questo modo si è voluto individuare e rafforzare tutte quelle abilità dialettiche che proprio nell’età della preadolescenza risultano più utili nello sviluppo della dialettica: l’associazione di idee, la concentrazione su concetti chiave, la capacità di comunicazione, la resistenza e il controllo dello stress, l’ampliamento del proprio vocabolario, l’elasticità mentale, il pensiero laterale, l’empatia con i compagni di squadra, l’intuizione, la corretta lettura delle intenzioni-interpretazioni degli interlocutori, la memoria, la capacità di utilizzare percorsi alternativi a quelli più immediati per ottenere un risultato.
Ovviamente, Chewin’ Game permette di migliorare anche qualità personali, esplorando i propri punti di forza in fatto di comunicazione: devo capire in che cosa sono più bravo, e imparare a sopperire ad eventuali mancanze utilizzando le mie qualità. Se possiedo una buona proprietà di linguaggio cercherò ad esempio di usufruirne per colmare le mie difficoltà mimiche; oppure, se al contrario sono molto espressivo e uso bene il linguaggio non verbale, userò queste mie qualità per rimediare alle imprecisione lessicali. Giocando, imparo nuove parole, alleno la mia mente ad essere interattiva e a fare associazioni di idee più velocemente, il tutto in compagnia dei miei amici e divertendomi!

facebook fabbrica dei segni